La Fabbrica

Chi siamo

Ali della MenteCompagnia della Città & Fabbrica Wojtyla

Fabbrica Wojtyla è un ideale. 
Volontà resa azione creativa da donne e uomini che insieme si pongono l’obiettivo primo della rivoluzione culturale partendo dalla qualificazione della umana coscienza, dalla riflessione sull’esistenza e l’attuale, dalla affermazione di valori etici imprescindibili.

Principale strumento utilizzato a tal fine è il Teatro. Ispirato al Teatro della Parola, come espressione degli intenti etici e formativi della poetica di Patrizio Ranieri Ciu.

Derivazione diretta del Teatro Rapsodico è per questo dedicato alla figura di attore e autore di Karol Wojtyla promotore di una coscienza artistica in grado di oltrepassare i limiti delle scuole e delle correnti teatrali tradizionali alla ricerca di forme e valori universali e senza tempo. 

Il Teatro Rapsodico vuole essere teatro vero. Si sviluppa a partire dalla parola, nasce da essa, la esprime intera, la fa emergere. Serve alla parola e al pensiero.
Il giocare sulla parola non significa affatto la morte dei movimenti. La parola, se vuole essere viva, non può essere pensata senza il movimento. E la parola diventa gesto ma non nel modo in cui questo avviene nella vita nervosa di tutti i giorni.
Nel teatro è tutto diverso, la parola stessa matura fino al gesto, gesto parco, semplice, ritmico. Non è un ricreare la vita ma è ritmo della parola e del pensiero nella loro tensione interiore.
Da “Discorso sul Teatro della Parola” di Piotr Jasien (pseudonimo dell’attore e autore Karol Wojtyla, 1952)

Ali della Mente , associazione culturale di riferimento, si pone l’obiettivo primo della promozione del progresso culturale partendo dalla qualificazione del patrimonio locale sino alla creazione di eventi dalla marcata rilevanza culturale, ragion per cui molte delle produzioni teatrali, grazie al loro valore sociale e culturale, sono frutto di una intensa collaborazione con numerose istituzioni pubbliche. 

È improntata a criteri di professionalità artistica e gestionale, di continuità del nucleo artistico, nonché a modalità operative basate su articolati e organici progetti culturali che contemplino la presenza di attività di produzione teatrale propria e la diffusione della cultura teatrale e dello spettacolo dal vivo sul territorio nazionale e internazionale come strumento etico e formativo. 

L’attività operativa è svolta invece in modo continuativo dalla  Compagnia della Città  che mette al centro l’attività di interesse pubblico, da svolgere in sinergia e con il sostegno degli Enti locali territorialmente competenti, con tre finalità: valorizzazione, integrazione e formazione. Valorizzazione del patrimonio di storia e di cultura del Teatro, attenzione ai processi di integrazione culturale e sociale in atto sul territorio e preparazione artistica delle nuove generazioni di talento sfruttando quel dialogo intergenerazionale così fondamentale per un progresso reale dell’Uomo attraverso il recupero di “memorie” di generazioni passate e con particolare attenzione a quei temi comici capaci di spunti di riflessione sociale. 

L’unione in rete di queste realtà con le funzioni pubbliche ha come risultato la contaminazione felice, che si pone come obiettivo il lavoro di “traduzione di una tradizione” individuale e collettiva del territorio e degli esseri umani che lo vivono attraverso la forma più vitale di una esistenza: il Teatro, la più autentica comunicazione tra tutte quelle possibili, la più efficace della storia dell’uomo. 

Esperienze 

L’attività di Ali della Mente – Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla è improntata a criteri di professionalità artistica e gestionale, di continuità del nucleo artistico nonché a modalità operative basate su articolati ed organici progetti culturali che contemplino la presenza di attività di produzione teatrale propria e la diffusione della cultura teatrale e dello spettacolo dal vivo sul territorio nazionale ed internazionale. 

Principali incarichi istituzionali: 

  • Ideatore, progettista ed esecutore per conto della Scabec spa per la valorizzazione dei siti storici della Campania; 
  • Nomina ufficiale di Ambasciatori della Cultura della Regione Campania all’estero; 
  • Progetto valorizzazione UNESCO per la città di Caserta; 
  • Progettista e responsabile del laboratorio formativo “ATTIVAMENTE” finanziato dall’Unione Europea attraverso la Regione Campania; 
  • Direzione del Laboratorio Teatrale del Teatro Comunale di Caserta nell’ambito del progetto Tradizione & Traduzione finanziato dall’Unione Europea attraverso la Regione Campania; 
  • La Contaminazione Felice incarico UNESCO in occasione del Forum Internazionale delle Culture Napoli e Campania; 
  •  “Uno per Tutti” opera rappresentata al Teatro Antico di Minturnae per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia (patrocinio della Provincia di Latina) per la presidenza del Consiglio dei Ministri; 
  • Direzione del Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere;  
  • Produttore del CD “Sentinelle di Pace” realizzato con la Brigata Garibaldi di Caserta; 
  • Direzione Teatro Fabbrica Wojtyla di Macerata Campania

Alcune tra le principali produzioni: 

  • “MANN Teatro” (2022), visita teatralizzata itinerante presso il MANN – Museo Archeologico Nazionale di Napoli nell’ambito dell’iniziativa MiC de “I giovedì sera al MANN”;
  • Chronos: Ora X” (2022), opera teatrale con interprete il filosofo Umberto Galimberti al Teatro Don Bosco di Caserta; 
  • Passion Play” (2021), organizzazione e produzione della Via Crucis in collaborazione con la Curia di Caserta; 
  • Rosso Vanvitelliano – il Grand Tour” (2020), il Grand Tour di valorizzazione e promozione dei siti storici della Campania (Reggia di Carditello, Casina Vanvitelliana di Bacoli, Palazzo D’Avalos a Procida, Teatro Romano di Benevento, Carcere Borbonico di Avellino, Aperia della Reggia di Caserta, MANN – Museo Archeologico Nazionale di Napoli) organizzato con Scabec spa
  • OneMore – Cinque giorni dopo (2019), iniziativa contro la violenza di genere; 
  • Fantasmi a Napoli tra ‘700 e ‘800” (2019), “Innamòrati/Innamoràti di Napoli – Aspettando Via Sentimento n.19” (2019), “La Coscienza delle Donne”, “Via Sentimento n.19” (2019), visite teatralizzate di Palazzo San Giacomo, sede del comune di Napoli;  
  • Anonimo Napoletano (2019), tour albanese (Tirana e Valona) per la tutela del Teatri Kombetar di Tirana; 
  • Anonimo Napoletano” (2019), nell’ambito della rassegna estiva “Estate a Napoli”, organizzata dal Comune di Napoli; 
  • OPVS – Omnia Opus Est” (2019/in corso), viaggio nel tempo in luoghi meta-teatrali alla scoperta delle più belle chiese di Napoli; 
  • I Segreti di Casa Hirta” (2019/in corso), visita teatralizzata del borgo medievale di Caserta Vecchia; 
  • Martedì alla Reggia (2019), apertura straordinaria del Palazzo Reale di Caserta con l’opera “Rosso Vanvitelliano” dedicata alla storia dei personaggi della Reggia e itinerante nei suoi appartamenti storici, Cappella Palatina e Teatro di Corte; 
  • Caserta all’ombra della Reggia – Piccolo viaggio nel tempo” (2018/in corso), visite teatralizzata della città di Caserta; 
  • Anton Van Dyck. L’Opera si racconta con Dürer, Bolswert, Rubens, Corenzio dal Museo di  Capodimonte alla Reggia di Monza” (2018) – cortometraggio di valorizzazione del progetto della Reggia di Monza con il Museo e Real Bosco di Capodimonte; 
  • Le Regine della Reggia. Dietro le quinte della sovranità” (2018) – presentazione del libro di Nadia Verdile presso la Cappella Palatina della Reggia di Caserta; 
  • “Deportati” (2018), tour delle stazioni campane promosso dalla Regione Campania in collaborazione con RFI, estratti dell’opera “Vinti e Vincitori” di Patrizio Ranieri Ciu e Alfonso Martucci; 
  • Prova d’attore”, “All’ombra della Reggia”, “Dolci parole” (2017/2018) spettacoli messi in scena nell’ambito della stagione natalizia del Comune di Caserta “Happy Theatre”; 
  • Collaborazione con l’Archivio di Stato di Caserta: monologhi e letture per le giornate internazionali; 
  • Partecipazione al Roma Comic Off (2017) con lo spettacolo “Prova d’attore”: vincitrice di 9 premi; 
  • Scavalcamontagne (2017) tour delle periferie della città di Caserta promosso dal Comune di Caserta con lo spettacolo “Prova d’attore”; 
  • Il Clandestino” (2017) corso teatrale per i minori stranieri non accompagnati con rappresentazione finale e consegna attestato in collaborazione con il CIDIS Caserta; 
  • Stagione estiva al PAT, Palazzo Arti e Teatro di Caserta (2016/in corso); 
  • Partecipazione al FestBook (2017) con gli interventi teatrali “Monodialoghi”; 
  • Anonimo Napoletano” (2017) opera di Patrizio Ranieri Ciu al Teatro Comunale di Caserta, produzione “Ipocriti”, con il cast di Massimo Ranieri e la regia di Ernesto Lama; 
  • Partecipazione al Settembre al Borgo (2017) con gli interventi teatrali “Monodialoghi”; 
  • Rappresentanza della Campania a Bruxelles nel maggio della Campania giovane e creativa in Europa (2017) con la rappresentazione “Prova d’Attore”; 
  • Prova d’attore” a Tirana in Albania come rappresentante del Teatro Comico Italiano (2016); 
  • Stagione Teatrale al Teatro Spazio Libero di Napoli (2016/2017); 
  • Rosso Vanvitelliano” (2016) al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
  • Rosso Vanvitelliano”(2016/2017) spettacolo “manifesto” della Reggia di Caserta: i diversi personaggi storici che hanno vissuto il Palazzo Reale rappresentati in ogni sala degli appartamenti storici; 
  • Tableau Vivant L’abdicazione di Carlo in favore di Ferdinando” alla Reggia di Caserta (2016/2017); 
  • Organizzazione presentazione CD di Luca Rossi e Amedeo Minghi presso il Teatro Comunale di Caserta (2016/2017); 
  • Organizzazione presentazione del libro “Il contrario della paura” di Franco Roberti presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Caserta, e del libro “Mafia Capitale” di Catello Maresca presso la Camera dei Deputati (2016/2017); 
  • Nero Vanvitelliano” al Belvedere di San Leucio, nell’ambito del Leuciana Festival (2015); 
  • La Coscienza delle Donne” (2015) sul rapporto donna e violenza – Teatro Comunale di Caserta; 
  • Sentinelle di pace” (2015) dedicato ai militari italiani caduti in missioni di pace – con la Fanfara della Brigata Bersaglieri Garibaldi – Teatro Comunale di Caserta; 
  • Lolek” (2015), la storia di Karol Wojtyla e i suoi testi teatrali – Teatro istituto Vaticano; 
  • Moti terrae in TerraeMotus” (2014) monologhi sul “terremoto sociale” rappresentati nelle sale dedicate alla grande mostra tematica di arte contemporanea “TerraeMotus” – Reggia di Caserta
  • Acqua che viene acqua che va” (2014) la storia della ideazione del geniale percorso delle acque fino al parco reale creato da Luigi Vanvitelli – Cappella Palatina Reggia di Caserta; 
  • L’orologio”, intervento teatrale per l’inaugurazione dell’illuminazione della facciata della Reggia di Caserta (2014); 
  • La Favola dei Beatles” (2011) la storia dei quattro ragazzi di Liverpool prima di diventare i più famosi del mondo – Teatro Garibaldi Santa Maria Capua Vetere; 
  • La Moneta d’Oro” (2010) tragicomica favola sulla condizione dell’infanzia abbandonata – Teatro Mediterraneo Napoli; 
  • Via Sentimento n.19” (2009) percorso poetico e musicale nella Napoli d’autore alla ricerca del sentimento perduto – Teatro Garibaldi Santa Maria Capua Vetere; 
  • Vinti e Vincitori” (dal 2006 ogni anno) processo a porte aperte al negazionismo della Shoah in occasione della Giornata della Memoria presso vari teatri; 
  • Conversazioni Criminali: il caso Cogne (2006) analisi del processo indiziario sul caso di cronaca che ha sconvolto l’Italia – Teatro della Pace Caserta; 
  • Passion Play” (2006) opera musicale sulla passione di Cristo – con la Nuova Orchestra Scarlatti – Teatro Garibaldi Santa Maria Capua Vetere; 
  • Ali Minimusical” (2004/2005) – Musical sulla creazione dell’Umanità e del suo libero arbitrio – Teatro Garibaldi e Teatro Politeama Santa Maria Capua Vetere. 

Con più di 20 anni di attività piena, Ali della Mente – Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla è promotrice del progetto del Comune di Caserta il Teatro cerca te” con il quale i cittadini si sono avvicinati alla recitazione rinnovando da anni una messa in scena di “Vinti e Vincitori” per la Giornata della Memoria rappresentata esclusivamente da cittadini casertani e della rivoluzionaria iniziativa sociale “#onemore – sii anche tu un uomo in più”, campagna di sensibilizzazione sulla violenza di genere che si pone l’obiettivo di lavorare sull’educazione dell’uomo sin dalla più giovane età, da cui il motto “La cultura di un uomo è la sola garanzia per una donna” che ha già ottenuto il sostegno diretto del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Presidente della Regione Campania e che sta conquistando diversi Comuni, tra i primi firmatari si annoverano i Comuni di Napoli e Caserta, e personalità di spicco tra cui Umberto Galimberti, Massimo Cacciari, Franco Roberti, Luigi Riello e Massimo Bray. 

Nell’ambito delle esperienze formatesi intorno alla gestione di spazi teatrali, Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla ha svolto con testimoniato successo la direzione del Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere (2008/2009) con l’innovazione del Decentramento, del Teatro Fabbrica Wojtyla di Macerata Campania (dal 2004) ed ha gestito il Laboratorio Teatrale del Teatro Comunale di Caserta nell’ambito del progetto Tradizione & Traduzione finanziato dall’Unione Europea attraverso la Regione Campania (2015/2017). Il progetto prende il nome dall’obiettivo che si pone, ovvero il lavoro di “traduzione di una tradizione”, individuale e collettiva: la forma più vitale di una esistenza. Il Teatro è la forma più autentica di traduzione di tutte le tradizioni possibili, è la traduzione più efficace della storia dell’uomo.

La compagnia

Foto di Alba Bianconi

Questo sito utilizza i cookies per rendere ottimale la tua esperienza di utilizzo. ACEPTAR
Aviso de cookies