Vinti e Vincitori

di PATRIZIO RANIERI CIU con la collaborazione di ALFONSO MARTUCCI

L’opera è una moderna riedizione del Processo di Norimberga in cui accusa e difesa si battono attraverso testimonianze di fronte ad un giudice che lascerà la giuria da sola a decidere.
Vinti e Vincitori è l’emblematico confronto tra chi afferma che gli ebrei sfruttano l’Olocausto per propri fini e chi dichiara che è stata la pagina di storia più aberrante della nostra civiltà. Facendo perno sui fatti storici e sulle deposizioni di chi ha vissuto e si è reso protagonista della Shoah, l’opera porta lo spettatore a riflessioni mutevoli ed improvvise con un unico scopo: non dimenticare,proprio ora che siamo così vicini a quel cambio generazionale che cancellerà del tutto gli ultimi testimoni viventi.  

L’opera è scritta da Patrizio Ranieri Ciu con la collaborazione di Alfonso Martucci, insigne e compianto penalista sammaritano.

In Vinti e Vincitori il teatro, divenuto aula di tribunale, istituisce un processo al valore del ricordo, anzi la Memoria stessa si fa portatrice di un’accusa contro chi la diffama, la nega e tende a confondere i confini della verità. È una lunga riflessione, un dibattito del cuore e della mente tra continui capovolgimenti di fronte ed intense rievocazioni. Un modo per rivivere e riascoltare le terribili voci dell’Olocausto, per lottare contro il negazionismo e per chiedersi se sia possibile giudicare, per noi, oggi, quel momento storico che ha segnato il punto più basso della nostra umanità.  

Palmarès:

L’opera è stata rappresentata dal 2004 per 14 anni consecutivi in occasione della Giornata della Memoria presso il Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere e il Teatro Comunale di Caserta;

Nell’ambito del progetto del Comune di Caserta il Teatro cerca te con il quale i cittadini si sono avvicinati alla recitazione;

Per il tour delle stazioni campane con la riduzione “Deportati” (2018), promosso dalla Regione Campania in collaborazione con RFI, con estratti dell’opera “Vinti e Vincitori