N.28 Il Diritto di Essere

IL DIRITTO DI ESSERE

Siamo materia che passa
come vento che fugge,
vincoli 
che qualcuno slaccia.
Siamo figli di un unico dio 
che nessuno 
ha mai visto in faccia,
vittime e prede
attaccate a una fune 
che non sappiamo  
se lasciare andare.
Dimensione perduta
come un capriccio,
siamo un tempo dentro il Tempo,
circostanze, 
contesti distanti.
Come formule matematiche,
come logiche costanti,
abbiamo inizio e fine 
ed anche conseguenze:
esseri pensanti 
avidi nella mente
che non riescono a capire 
una storia come è andata a finire  
esseri pensanti
che non sanno assolutamente 
che il denaro 
è una assurda convenzione 
che non serve proprio a niente.
Questo è quello 
che noi chiamiamo vita!?
Sì, 
è l’amara conclusione.
La cultura 
si va sgretolando,
il futuro, 
un cadavere 
ancora vivo, 
è già in decomposizione.
Cosa altro ci resta da fare?
Arrivare fino in fondo, 
con le unghie e con i denti. 
Come combattenti.
Vivere,  
per non dimenticare.
Vivere 
un nostro mondo,
un mondo immateriale.

FABBRICAWOJTYLA © PATRIZIO RANIERI CIU 2021

N.B. La ricezione del presente documento garantisce la conoscenza di una sua origine autorale relativa a testo, forma di attuazione e contenuti logici ed artistici e della conseguente possibilità di utilizzo solo previa autorizzazione del detentore dei diritti d’autore nonché di obbligo del riconoscimento di tutte le competenze derivate (SIAE, etc.) in caso di loro applicazione anche parziale o, nel caso di usi solo didattici ed educativi, della citazione della fonte d’origine.