Lo spettacolo teatrale mette in scena tre monologhi femminili ambientati in tre momenti storici susseguenti (1799, 1945, 2023) dove, a fronte dello sviluppo della luce nel tempo, rappresentata nella mutazione delle epoche da una candela, da una lampadina e dai led di uno smartphone, resta inalterata la sopraffazione dell’uomo sulla donna evidenziando come dal ’700 ad oggi tale violenza è l’immutabile costante.

Dalle pagine più buie del regno dei Borbone agli articoli di cronaca nera del ventunesimo secolo, riemergono sul palcoscenico storie di violenza atavica e reiterata su tre giovanissime ragazze, come quelle che siedono tra i banchi di scuola oggi. La prima è la principessa Caracciolo di Santobono, stuprata a morte pubblicamente sul sagrato di una chiesa durante la dura repressione che seguì l’esperienza della Repubblica Napoletana, la seconda è una ragazza dei Sonderbau, speciali strutture dei campi di sterminio in cui si consumava il dramma della Shoah al femminile, luoghi adibiti a postribolo per i nazisti, fino ad arrivare a Roberta Siragusa, la ragazza uccisa dandole fuoco dall’ex fidanzato con modalità atroci. Storie presenti nei ricordi di Giulia Cecchettin prima di morire.

Immensi passi avanti per l’umanità fatti dalla tecnologia a confronto con una immutata incoscienza del valore assoluto della reciprocità. Proporre dunque la cultura dei sentimenti ai giovani nelle scuole ed ovunque come una inversione di rotta per una vera evoluzione, non solo sorprendentemente tecnica, ma anche straordinariamente umana.

La rappresentazione è collocata nell’ambito della campagna #Onemore contro la violenza di genere nel tentativo di diffondere il suo slogan la cultura di un uomo è la sola garanzia per una donna ed intraprendere un percorso di risoluzione del dramma della violenza alla radice. Perché la causa di ogni violenza è solo culturale, è nella “coscienza dell’individuo”. In questo caso soltanto la cultura dell’uomo, intesa come consapevolezza della sua coscienza individuale, è infatti garanzia per qualsiasi altro essere umano che sia in particolare donna, povero, diverso o più debole.

1945 – Lampadina
1799 – Candela
2020 – Smartphone

Foto di Raffaele Ferraro e Alba Bianconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa “uno in più” a garanzia di chi ti è accanto

usa gli hashtag #Onemore #FabbricaWojtyla e tagga le nostre pagine e i nostri profili

N.B. L’origine autorale di testo, forma di attuazione e contenuti logici ed artistici del presente sito web vincola la possibilità di utilizzo degli stessi alla autorizzazione del detentore dei diritti nonché al riconoscimento di tutte le competenze derivate (SIAE, etc.) in caso di applicazione anche parziale o, nel caso di usi solo didattici ed educativi, della citazione informata della fonte d’origine.

Translate »